Parte il primo corso per la gestione dei migranti e fa il tutto esaurito

Parte il primo corso per la gestione dei migranti e fa il tutto esaurito

Parte il primo corso per la gestione dei migranti e fa il tutto esaurito

Federsolidarietà, CSV Verona e Lega Coop danno avvio alla partnership per creare soluzioni di accoglienza al fenomeno migratorio. Sabato 12 marzo è partito il primo corso di formazione per operatori: le iscrizioni sono arrivate al completo in pochi giorni.

Categorie: Primo Piano

Tags: veronafedersolidarietàmigranti

Non ci può non essere grande entusiasmo per l’ampia adesione al percorso formativo nato dalla collaborazione tra Federsolidarietà-Confcooperative Verona, Lega Coop e il Centro Servizi Volontariato, gestito dalla Federazione del Volontariato di Verona, per la grande affluenza di soggetti interessati alle tematiche proposte.

Il percorso voluto da Federsolidarietà, Lega Coop e CSV Verona, nell’ambito di una collaborazione forte nell’ambito del settore della gestione dei migranti, è indirizzato specialmente agli operatori del terzo settore e punta a fornire un pacchetto di conoscenze e competenze per svolgere al meglio il ruolo dell’assistenza.

Questo progetto è inserito all’interno di un complesso di azioni strategicamente orientate a migliorare la qualità dell’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, quali anche la predisposizione di un protocollo d’intesa, con la Prefettura di Verona, finalizzato a definire un coordinamento efficace ed efficiente rispetto alla gestione concreta dell’accoglienza dei profughi e volto ulteriormente a definire degli standard minimi di accoglienza al fine di disincentivare i già numerosi tentativi di speculazione sul drammatico fenomeno migratorio ed a migliorare la progettualità che il terzo settore può mettere in campo in questo delicato ambito.

Il corso nasce proprio dalla volontà di poter fornire a tutti gli interessati, operatori, volontari o semplicemente persone interessate, degli strumenti idonei per approcciare le tematiche e le numerose problematiche giuridiche, culturali e psicologiche legate al fenomeno. Avendo, Federsolidarietà, Lega Coop e CSV, ben chiaro quanto possa essere estremamente delicato il momento dell’accoglienza date le situazioni personali dei richiedenti asilo.

Il percorso formativo, che si svolgerà nel mese di Marzo presso la sede del CSV di Verona, è composto di tre moduli che condividono la prospettiva di fornire una panoramica il più ampia possibile dei contesti utili per la gestione concreta dell’accoglienza dei profughi:

  •  il primo modulo “Contesto Giuridico e normativo di riferimento” prevede un momento formativo di stampo giuridico comprensivo di principi di diritto internazionale e dei diritti fondamentali dell’uomo applicabili necessariamente ai richiedenti asilo.
  • Il secondo modulo approfondirà l’aspetto psicologico e culturale dell’accoglienza, con riferimenti di mediazione culturale e di approccio con il migrante.
  • Il terzo ed ultimo modulo sarà incentrato sul diritto amministrativo, sulle procedure e gli adempimenti burocratici legati all’accoglienza (permessi di soggiorno, richiesta di asilo, ricongiungimento familiare, minori, accesso alla sanità, etc.).

Parteciperanno quali formatori l’associazione degli Avvocati di Strada di Verona e altri professionisti del settore, alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza.

La Presidente di Federsolidarietà Verona Erica Dal Degan ribadisce che rispetto alla collaborazione con Lega Coop Veneto e il CSV Verona è stato fin da subito chiaro che l’approccio al problema della migrazione andava affrontato con strumenti di sistema, in concerto con tutti gli enti interessati, cooperative sociali, associazioni di volontariato, prefettura, fondazioni ed enti pubblici al fine di proporre soluzioni di lungimiranza e ben calibrate rispetto agli obbiettivi dell’accoglienza. La Presidente Dal Degan conclude affermando che “dato il grande successo in termini di adesioni, il corso sarà sicuramente riproposto”.

Chiara Tommasini, Presidente del CSV Verona commenta: “Abbiamo avuto una grande risposta da parte del volontariato veronese, anche da associazioni che non si occupano principalmente di accoglienza, ma che, sensibili alle tematiche, desiderano capirne di più e magari in futuro, coinvolgere i migranti stessi all’interno delle attività di volontariato che erogano sul territorio. Il Terzo Settore deve imparare ad essere e a ragionare come un sistema, e lo può fare partendo da una formazione congiunta e ben calibrata”.

Loris Cervato Responsabile delle cooperative sociali di Lega Coop Veneto dichiara che: “a fronte dell’emergenza di questi mesi rappresentata dal grande flusso di migranti nel Territorio, le risposte unitarie e concertate costituiscono la chiara volontà delle nostre organizzazioni di contribuire ad affrontare le urgenti necessità di persone già gravemente colpite e sofferenti”.

Congiuntamente le Organizzazioni Federsolidarietà-Confcooperative Verona, CSV Verona, e Lega Coop si dichiarano pronte e disponibili ad accelerare concretamente le proposte inserite nella bozza di protocollo presentata nei mesi scorsi alla Prefettura di Verona.

 

ilCALENDARIO

«settembre 2018»
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

iTAGdelleNOTIZIE