SETTORE SANITÀ

La FederazioneSanità è l’organizzazione di rappresentanza politico-sindacale delle cooperative sanitarie aderenti a Confcooperative.
FederazioneSanità è articolata in quattro settori cooperativi, distinti a seconda della tipologia di attività:
Cooperative a Specializzazione Sanitaria
Operano nella realizzazione del connettivo assistenziale del sistema sanitario nazionale; hanno nel tempo sviluppato professionalità specifiche nei difficili campi dell’assistenza domiciliare e nella gestione di strutture intermedie residenziali.
Con una rete di migliaia di operatori (infermieri, fisioterapisti, medici, etc.) erogano servizi sanitari e assistenziali in un’ottica d’integrazione ospedale-territorio.
Collaborano alla progettazione ed attuazione di servizi rivolti prevalentemente a pazienti nella rete territoriale dell’assistenza primaria e dell’assistenza a lungo termine, con tariffe socialmente sostenibili. 
Cooperative di Medici
Le cooperative di medici, costituite anche da medici di medicina generale, rappresentano l’anello di congiunzione fra le necessità degli assistiti e la rete dei servizi.
Presenti sul territorio e coinvolte nelle fasi di analisi, nell’informazione e nella gestione di strutture socio-sanitarie, sino alla partecipazione nei percorsi di assistenza domiciliare, contribuiscono a individuare e a soddisfare i bisogni socio sanitari dei cittadini.
Cooperative Farmaceutiche
Diffuse in molte regioni italiane, garantiscono l’accesso al farmaco indipendentemente dalla collocazione geografica della farmacia e dalla sua dimensione organizzativa.
Rappresentano inoltre centri intermedi di organizzazione e veicolazione di servizi alla farmacia e ai cittadini; assicurano l’azione sinergica che permette alle farmacie di essere il nuovo presidio territoriale per le prestazioni sanitarie. 
Mutue Socio Sanitarie
Lavorano da tempo affinché l’accesso a trattamenti sanitari e a cure croniche sia assicurato a tutti.
Offrono l’assistenza diretta e indiretta e prestazioni specialistiche realizzando network sanitari capaci di garantire, ai propri iscritti, agevolazioni importanti sulle tariffe e sui tempi per la fruizione delle prestazioni.
Tra i progetti più importanti della Federazione, c’è quello dell’Assistenza primaria. Pochi mesi dopo il settembre del 2008, cioè l’inizio della crisi economico-finanziaria che ha investito il mondo intero, l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), ha pubblicato “The World Health Report 2008” dal titolo: “L’Assistenza Primaria, ora più che mai”. 
L’OMS sostiene che di fronte al mutare della demografia e della epidemiologia, e in presenza di nuove condizioni economiche e sociali che con il loro mutare creano diseguaglianze tra i Paesi e all’interno degli stessi, occorre una nuova configurazione della assistenza sanitaria, troppo sbilanciata oggi verso l’assistenza ospedaliera e focalizzata sulle specializzazioni, le tecnologie e gli specifici problemi di singole malattie.
Occorre, quindi, puntare sull’organizzazione di attività e servizi che, a livello di ben definite comunità, assicurino un’assistenza globale, continua e centrata sulle persone, che oggi vogliono essere compartecipi dei problemi che riguardano la salute, e per questo desiderano scegliere quei professionisti della sanità e quei servizi con i quali instaurare un rapporto di reciproca fiducia.
L’Assistenza Primaria comprende le attività di promozione, prevenzione e mantenimento delle salute, il counseling, l’educazione sanitaria dell’assistito, la diagnosi e il trattamento di malattie acute a bassa complessità (ridotta concentrazione di saperi specialistici ed impegno tecnologico) e di malattie croniche, nonché la capillare personalizzazione del servizio in prossimità del bisogno, in diverse sedi, dall’ambulatorio al domicilio del paziente.
Assicura la presa in carico e la continuità assistenziale mediante un unitario coordinamento e valutazione, con indirizzo del paziente, in diverse sedi di trattamento degli episodi di cura che possono interessare anche i livelli superiori di assistenza.
In Veneto Confcooperative ha promosso un progetto per lo sviluppo dell’assistenza primaria: nel 2011 è stato costituito il Consorzio “Veneto In Salute”, società cooperativa consortile stabile sociale, costituita da 21 cooperative sociali venete, con un fatturato aggregato di 135 milioni di euro, 5.100 soci e un capitale sociale consortile di 310.000 euro.
Al Consorzio aderisce la Federazione dei Medici di Medicina Generale (FIMMG) del Veneto.
In Veneto, FederazioneSanità ha attivato un coordinamento regionale e partecipa alle attività nazionali attraverso propri rappresentanti in Consiglio Nazionale: Luigi Oliboni, in rappresentanza del settore delle mute socio sanitarie;
Giuseppe Greco, in rappresentanza delle cooperative di medici e a specializzazione sanitaria.