“ACCORDO START-UP”: UN PLAFOND DI BCC MONSILE PER NUOVE IMPRESE

“ACCORDO START-UP”: UN PLAFOND DI BCC MONSILE PER NUOVE IMPRESE

“ACCORDO START-UP”: UN PLAFOND DI BCC MONSILE PER NUOVE IMPRESE

Firmato martedì 8 settembre a Treviso l'accordo che mette insieme la Banca, Confartigianato Imprese Treviso, Ascom-Confcommercio Treviso ed i rispettivi Consorzi Fidi

 

Categorie: FEDERCASSE

Tags: trevisostart up

A Treviso, presso la sede del Mandamento di Confartigianato, si è tenuta la stipula ufficiale dell'Accordo Start-Up fra Banca di Monastier e del Sile Credito Cooperativo, Confartigianato Imprese Treviso, Consorzio Regionale di Garanzia per l'Artigianato, Ascom-Confcommercio Treviso e la società cooperativa Terfidi Veneto. 

“Tramite questo accordo, nel quale abbiamo coinvolto le categorie economiche – ha commentato il presidente di BCC Monsile, Renzo Canal – intendiamo facilitare e supportare l'avvio di nuove imprese nel territorio di competenza della banca, agevolando l'accesso al credito. Il plafond complessivo che mettiamo a disposizione ammonta ad 1 milione di euro, l'importo massimo per ogni iniziativa è di 50mila euro (corrispondenti al valore medio di una pratica di Confidi), concessi a condizioni agevolate. Le imprese richiedenti non dovranno sostenere le spese di istruttoria; avranno comunque il vincolo di mantenere la propria contabilità per un minimo di 3 anni dalla concessione dell'affidamento presso le associazioni di categoria aderenti all'Accordo, poiché vogliamo tutelare fino in fondo tali imprese neo costituite”.

L'iter di approvazione dell'affidamento sarà snello e veloce: l'imprenditore o l'aspirante tale si rivolgerà all'associazione di categoria presentando la propria idea di impresa. Il business plan sarà analizzato dall'associazione e dal rispettivo Confidi insieme a BCC Monsile. Infine, la Banca si impegna a garantire una risposta al richiedente in tempi rapidi; se la pratica di affidamento verrà approvata, si procederà immediatamente con la concessione del credito, offrendo al richiedente la relativa consulenza di cui ha bisogno.

“Siamo lieti di partecipare a questo protocollo – ha dichiarato il presidente di Confartigianato Mandamento di Treviso, Ennio Piovesan – poiché crediamo nell'importanza dell'avvio di nuove attività, non solo da parte di giovani, ma anche di persone più mature, che magari hanno perso la precedente occupazione, e che vorrebbero intraprendere in prima persona, per realizzare una propria idea di impresa e di sviluppo. Positiva la rete creata tra BCC Monsile, artigiani e commercianti di Treviso, con i nostri rispettivi Consorzi Fidi, in quanto è nella rete e nel fare sistema tra di noi, che potremo davvero aiutare le imprese di nuova costituzione a fare le scelte più opportune, tutelandole adeguatamente, in un mercato ancora molto complicato e mosso”.

Anche Renato Salvadori, presidente di Ascom-Confcommercio Treviso, ha definito questo accordo “una grande opportunità. Il ruolo delle banche locali si conferma strategico ed essenziale nel sostenere le piccole e piccolissime realtà che costituiscono il tessuto socio-economico locale. Spesso, infatti, esistono realtà imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico ed innovativo, ma che non hanno le condizioni minime per accedere al credito secondo i rigidi parametri di Basilea. Avere al proprio fianco una banca locale come BCC Monsile, può fare la differenza”.

Sostegno per l'accordo e per lo strumento del plafond anche da Mario Citron,

presidente del Consorzio regionale di garanzia per l'Artigianato

e da Roberto De Lorenzi, vice presidente di Terfidi Veneto, intervenuti per la formalizzazione del documento. 

 

iTAG

ilCALENDARIO

«gennaio 2018»
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234