L'assessore Donazzan plaude alla nostra cooperazione

L’assessore Donazzan plaude alla nostra cooperazione

L’assessore Donazzan plaude alla nostra cooperazione

"Questa è l’economia sociale che fa impresa – afferma l’assessore Donazzan – La società cooperativa si sta dimostrando sempre più capace di proporre una ricetta a un’economia sociale che riserva attenzione ad alcuni lavoratori particolarmente fragili. Non solo: si sta rivelando sempre più capace di elaborare prodotti ad alto potenziale commerciale”.

Categorie: Primo Piano

Tags: pastificio venetodonazzanin concertovenethica

Cooperative trevigiane che rilanciano il territorio, l'occupazione, l'economia e rispondono ad esigenze sociali. Cooperative visitate in un tour inedito dall'assessore alla formazione e al lavoro della Regione Veneto Elena Donazzan
La parola d'ordine è workers buyout nel territorio accanto a cooperazione sociale. Le hanno messe in pratica nella zona del Montello tre cooperative sociali che hanno fondato la loro attività sulle ceneri di aziende in stato di crisi dando lavoro a persone svantaggiate, con problemi di salute mentale ma anche donne ed esodati attraverso un bando regionale, l'Aict, azioni integrate per la coesione territoriale che a sua volta attingeva a fondi europei. A presentare il progetto a nome di queste tre realtà, Irecoop Veneto. Vere e proprie start up cooperative partite dopo 6 mesi di tirocinio al personale nel 2015 ed oggi pronte a crearsi uno spazio nel mercato con prodotti di nicchia, sia nel loro territorio che all'estero.   

La prima azienda visitata dall'assessore Donazzan è stata il Pastificio Veneto di Montebelluna recuperato all'interno della storica scuola materna del comune che ha concesso i locali in comodato d'uso gratuito alla cooperativa Noi per 30 anni in cambio della ristrutturazione dell'edificio. Dopo un'analisi del mercato i responsabili hanno deciso di produrre pasta biologica e vegana ripiena utilizzando materie prime della zona, prodotti che ora vendono nel mercato locale ma soprattutto all'estero. In particolare la cooperativa ha stretto un accordo con Essential, cooperativa di distribuzione inglese, che serve negozi britannici ma anche negli Stati Uniti dove sono state create delle ricette italiane apposite con questi prodotti da proporre nel mercato a stelle e strisce. Qui ci lavorano 7 persone in part time suddivise in due turni , soprattutto donne che provengono dal Centro Antiviolenza locale. “I nostri sono prodotti di nicchia e freschissimi – commenta Fabio Panizzon Presidente della Cooperativa Noi e del Pastificio Veneto frutto di lavoro manuale con pochissimo magazzino, visto che i prodotti vengono consegnati al cliente entro due giorni” .

Dai tortelli alle scarpe da trekking e da running prodotte dal Calzaturificio Venethica che ha rimesso in piedi un'azienda storica locale occupando 7 professionisti, la maggior parte esodati over 50, specializzati nella produzione della scarpa sportiva. Scarpe con suole biodegradabili e pelle non trattata con agenti chimici: un impatto sociale e ambientale importante, quindi, per le calzature che “camminano e non calpestano” come recita il claim dell'azienda di Asolo che ha ben spiegato Daniele Vuanello, Presidente di Venethica. Calzature apprezzatissime dall'assessore Donazzan che non ha mancato di acquistare qualche paio di scarpe per sé e per amici e parenti.

Infine sulle colline di Monfumo la conclusione del tour cooperativo dell'assessore Donazzan nell'agriturismo Cà Corniani, divenuto cooperativa all'interno del Consorzio In Concerto di Castelfranco Veneto. Bruno Pozzobon, Presidente del Consorzio, ha spiegato la genesi di questo angolo di paradiso nelle colline asolane. 33 ettari di terreno recuperati, concessi dai comuni di Monfumo e Cavaso per 30 anni alla cooperativa perché rimettesse in sesto la zona. Da allora ha preso vita un progetto di inclusione sociale a tutto tondo. È stato creato un centro diurno per persone con problemi di salute mentale che vengono occupate in attività di assemblaggio e in agricoltura. La cooperativa coltiva oggi 3 ettari di prosecco bio, 400 piante di mele, 60 ulivi e alleva 20 vacche da latte e da carne e 60 tra pecore e capre. Dieci le persone che lavorano all'interno stabilmente. I prodotti, compresi i formaggi, vengono venduti a negozi del posto e da settembre, grazie ad un accordo sancito a livello intercomunale, verranno acquistati e consumati dalle scuole materne della zona. Inoltre Cà Corniani è anche fattoria didattica e un agriturismo con 4 camere e 50 posti a sedere, aperto su prenotazione nei fine settimana. Tra le novità anche la presenza di una bicicletta a pedalata assistita che verrà usata e offerta ai turisti per le escursioni sul Grappa. La bicicletta è stata realizzata con la ditta Garmont che ha messo a disposizione della cooperativa ben 10 prototipi prodotti da Fantic, sperimentati sul campo dall'assessore Donazzan. Sono biciclette con un motore elettrico che diminuiscono lo sforzo in particolare nelle salite. >
Soddisfatta del lavoro svolto dalle cooperative l'assessore Donazzan che ha aggiunto “Su tutti i finanziamenti regionali vorrei inserire meccanismi di premialità, per finanziare negli anni successivi i progetti o i soggetti che negli anni precedenti hanno ottenuto risultati in termini di posti di lavoro creati, come queste esperienze positive viste oggi”.


“Questa è l’economia sociale che fa impresa – prosegue –. La società cooperativa si sta dimostrando sempre più capace di proporre una ricetta a un’economia sociale che riserva attenzione ad alcuni lavoratori particolarmente fragili. Non solo: si sta rivelando sempre più capace di elaborare prodotti ad alto potenziale commerciale”. 

Infine l'assessore conclude con una importante nota di merito a tutto il sistema Confcooperative “Il mio plauso va a Confcooperative che da sempre dimostra una grande predisposizione alla solidarietà e la propensione a coinvolgere in determinate progettualità anche imprenditori di alto livello come Bressan di Garmont.Questa tipologia di partenariato produttivo e commerciale farà parlare di sé come un nuovo e autentico modello veneto di economia”.

 


ilCALENDARIO

«gennaio 2018»
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234

iTAGdelleNOTIZIE