Avvenuta la fusione tra Confcooperative Treviso e Belluno

Avvenuta la fusione tra Confcooperative Treviso e Belluno

Avvenuta la fusione tra Confcooperative Treviso e Belluno

È nata l'Unione interprovinciale di Belluno e Treviso, di cui è stato eletto presidente Valerio Cescon.

Categorie: Dal Territorio

Tags: trevisobellunoassemblea

Le due maggiori associazioni di rappresentanza delle imprese cooperative dei rispettivi territori provinciali, Confcooperative Belluno e Confcooperative Treviso, si sono fuse sabato 27 febbraio, dando vita alla nuova Unione interprovinciale di Belluno e Treviso. La scelta è avvenuta all'unanimità, votata dalle  assemblee straordinarie delle due precedenti organizzazioni provinciali, riunitesi per l'occasione presso l'auditorium di Banca Prealpi a Tarzo (Treviso). Erano presenti circa 120 cooperatori provenienti dalle due province.
Nasce una grande realtà territoriale che riunisce imprese cooperative operanti in vari settori produttivi (agroalimentare, sociale, dei servizi, sanità, consumo, credito, turismo), con un fatturato aggregato 2015 che supera 1 miliardo di euro. Confcooperative Treviso a fine 2015 rappresentava infatti 158 cooperative, 30mila soci ed un fatturato aggregato di quasi 900 milioni di euro (senza contare le Banche di credito cooperativo), impiegando quasi 7mila persone, di cui 5mila sono soci-lavoratori. Confcooperative Belluno contava invece su oltre 90 cooperative associate, un fatturato aggregato di 156 milioni di euro, 1.200 addetti ed oltre 9mila soci.

Dopo la fase straordinaria, la nuova assemblea interprovinciale di Confcooperative Belluno e Treviso ha provveduto alla nomina del nuovo consiglio interprovinciale, formato da 23 membri (di cui 7 consiglieri bellunesi e 16 trevigiani). Sono risultati eletti: Claudio Agnoli, Federico Bristot, Claudia De Min, Nicola De Min, Augusto Guerriero, Paolo Montagner e Marco Slongo come rappresentanza di Belluno; Eugenio Anzanello, Monica Bidoggia, Lorenzo Brugnera, Marcello Criveller, Pierclaudio De Martin, Carlo Feletto, Guido Garau, Giancarlo Guidolin, Maria Adele Lisi, Tiziano Mazzer, Fabio Panizzon, Gianpietro Tittonel, Germano Tonetto, Amedeo Tonon, Claudio Venturin, Stefano Zanette, in rappresentanza delle cooperative trevigiane.
Come presidente della nuova Confcooperative Belluno e Treviso è stato eletto Valerio Cescon, cooperatore vitivinicolo, già presidente di Confcooperative Treviso. La vicepresidenza, come da nuovo statuto interprovinciale, spetterà di diritto ad un bellunese.

“Fare, insieme” è lo slogan che Confcooperative Belluno e Treviso ha scelto per questo nuovo cammino di collaborazione.
“In questi anni il mondo è cambiato – ha spiegato il neopresidente interprovinciale, Valerio Cescon – e anche la cooperazione è chiamata a cambiare, per raccogliere le sfide e le opportunità dei nuovi mercati, senza perdere di vista il proprio patrimonio e la propria identità valoriale. Oggi si sono fuse insieme due realtà con grandissime potenzialità, sia in termini di competenze imprenditoriali che di territori nei quali operano. La chiave è fare sistema, iniziando al nostro interno. Gli ambiti strategici nei quali continueremo a lavorare sono la formazione (a tal proposito abbiamo costituito la Scuola di formazione permanente “Coltiviamo futuro”), i progetti per fare rete, servizi sempre più competitivi ed efficienti, coinvolgimento dei giovani, tavoli per l'innovazione (le nuove sfide si chiamano workers buy out, social housing, imprese di comunità, agricoltura sociale). Intendiamo continuare a fare bene impresa ed incentivare una cultura della legalità”. 

Marco Slongo, già presidente di Confcooperative Belluno, ha motivato la scelta della fusione come un modo per “guardare avanti, per cercare una forma di rappresentanza rafforzata, rinnovata e maggiormente autorevole. Avremmo potuto continuare ancora un po' con la vecchia organizzazione, ma sarebbe stata una 'battaglia di retroguardia'”. Ha quindi insistito sul bisogno di avviare una “grande stagione di rinnovamento all'interno della cooperazione, rafforzando il rapporto coi soci, il pensiero etico, facendo comprendere alle comunità il plusvalore delle imprese cooperative come aziende di territorio”.

La sede di Confcooperative Belluno e Treviso è a Lancenigo di Villorba (Treviso), in via Roma 4/d; un ufficio complementare è a Belluno in via Simon da Cusighe, 37.

ilCALENDARIO

«settembre 2018»
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

iTAGdelleNOTIZIE